« Home | [DEFORMATICA] Come rompere un hard disk e vivere f... » | [MAGIA] Il cesso incantato » | [DEFORMATICA] Il bagno al tredicesimo piano » | [DEFORMATICA] Dirigente con carrello-appendice » | [VISIONI LUCIDE] I Voladores » | [VISIONI LUCIDE] I performantes » 

domenica, aprile 30, 2006 

[DEFORMATICA] La rete fantasma

Al numero del supporto tecnico arrivò una chiamata, per un problema alla rete di una fabbrica. In pratica, il collegamento tra due capannoni ogni tanto saltava. Venne inviato un tecnico, e siccome la fabbrica stava nella Bassa, il collega in questione si fece qualche centinaio di chilometri. Tempo due orette, e si presentò al cliente. Seppe - con un certo disappunto - che miracolosamente la rete aveva ripreso a funzionare poco prima del suo arrivo. Era un tecnico scrupoloso, e quindi volle dare lo stesso un'occhiata per essere sicuro che tutto fosse a posto. Non trovò nessun problema e se ne tornò in azienda, con un paio di dubbi.

Passano un paio di settimane, e di nuovo la rete si guasta. Un'altro tecnico scende nella pianura, e anche questa volta - come per magia - quando arriva la rete va che è una bellezza. Resta sbigottito, controlla per bene, ma non trova nulla. Anche lui se ne va con le pive ne sacco. Dopo un mesetto di silenzio, succede di nuovo. Il responsabile della ditta di supporto decide di inviare ben due tecnici, con l'ordine tassativo di scoprire il tranello. Immancabilmente, quando arrivano la rete ha ripreso a funzionare da poco. I due mastini parlano con il responsabile della fabbrica, e gli dicono che se non vuole continuare a pagare interventi a vuoto, è meglio che dia loro una mano per indagare a fondo. Analizzano ogni singolo cavo, ogni singolo hub, parlano con i dipendenti, improvvisandosi Sherlock Holmes. Seguono il percorso del cavo di rete, e arrivano alla casa dei custodi, dove c'è un hub sul balcone, proprio tra i due capannoni. Analizzano lo scatolotto, senza trovare nulla. Parlano con i due costodi (marito e moglie) e raccontano loro del guasto a singhiozzo, nella speranza che diano loro un barlume d'indizio. Stanno per andarsene, e la moglie buttà lì due parole:
"Ma a cosa serve quella scatola grigia che c'è sul balcone ? E' roba vostra ?"
"Sì signora, serve per il collegamento dei computer"
"Per il collegamento dei computer ?"
"Sì, se si guasta i computer non possono collegarsi"
La signora sgrana gli occhi e il tecnico più vecchio, cogliendo il suo sguardo colpevole, chiede:
"Senta ... per caso due ore fa è successo qualcosa a quella scatola ?"
"Ma...ehr....cioè...insomma....io volevo solo stirare"
"Sì ... e quindi?"
"...e quindi ho staccato il cavo della scatola grigia e ho inserito quello del ferro da stiro"
"Ah! E mi dica, per quanto ha stirato signora ?"
"Huh...un'ora e mezza, pressapoco, ma perchè me lo chiede ?"
Dopo lo spiegone di rito alla signora, i due tecnici ritornano alla base, e incrociano il capo nel corrodoio.
"Ah, eccovi, avete trovato il guasto ?"
"Humpf...certo!"
"Ah! E cos'era ?"
"Il ferro!" dice il più giovane dei due con un lampo di malizia negli occhi.
"Come ...? Quale ferro ?"
"Il ferro! Il ferro da stiro!" aggiunge il più vecchio con la faccia burbera, e se ne vanno lasciando il capo con la mascella abbassata.